Comune di

Montorio nei Frentani


Via Carfagnini Costantino, 2 - 86040 Montorio nei Frentani(CB)
Tel. 0874 826132 - Fax. 0874 826132
comune.montoriofrent@tiscali.it
comune.montorioneifrentanicb@legalmail.it

Cultura

 

Noi…Artisti di Questa Terra

Locandina culturaNel mese di agosto Montorio nei Frentani ospita “Noi…Artisti di Questa Terra”: la rassegna di artisti e personaggi illustri molisani e nazionali,  organizzata dall’omonima associazione culturale. L’iniziativa mira a dare merito ai molisani che si sono distinti nel campo dell’arte e della cultura e che hanno portato il nome della nostra regione oltre i confini. È finanziata dagli assessorati della Cultura e del Turismo e dalla Presidenza del Consiglio della Regione Molise, dalla Provincia di Campobasso ed è sostenuta dalla comunità montana di Casacalenda.

Siti archeologici

PANORAMA_4Il patrimonio territoriale si caratterizza da un paesaggio costellato di siti archeologici sparsi (per es. i corredi tombali di età arcaica, V sec a.C., reperiti a ridosso del centro abitato) tra i quali possiamo segnalare i resti del villaggio medievale fortificato di Gerione, oggetto di scavi recenti; interessanti anche i luoghi di culto legati alle acque con resti di fonti che si accompagnano all’antica presenza monastica benedettina (San Mauro, San Michele), in un insieme tessuto da arcaici percorsi ancora fruibili.

Raccolta ornitologica “Carfagnini”

Aquila realeE’ una delle poche collezioni in Italia, se non l’unica, ad essere costituita da circa seicento esemplari provenienti da uno stesso biotopo. Realizzata in un periodo che va dall’ aprile 1896 all’ aprile 1952. Iniziata dal professore di Scienze naturali Edoardo Carfagnini, dopo la sua morte, è stata ultimata dal fratello Leonardo, farmacista del paese. Gli esemplari della collezione sono stati tutti catturati nella zona di Montorio e paesi limitrofi: è la testimonianza della fauna che popolava quel territorio, una complessità di ambienti agricoli tale da ospitare uccelli attualmente scomparsi o in via d’ estinzione. Per ciascun esemplare è stato annotato metodicamente la data e la località di cattura, il nome volgare e scientifico, il numero di catalogo, epoca, sesso, e per molti la descrizione particolareggiata del contenuto gastrico. Tra le specie più interessanti: l’ Aquila del Bonelli; l’Aquila Reale, catturata nei Colli di Montorio ed imbalsamata con un’ apertura d’ali di oltre due metri; il rarissimo Biancone; il Gufo Reale ormai estinto nei boschi molisani; il Falco Pellegrino; la Quaglia e i suoi pulcini; un Barbagianni in posizione di difesa. Di grande interesse sono anche i lupi, la marmotta, il tasso, il gatto selvatico, la puzzola e la volpe. Tutta la collezione è custodita nella casa di Teodorico Carfagnini ed è a disposizione del pubblico (a richiesta), per farne veicolo culturale.